Una lunga serata per salutare l'estate, tra natura e benessere

I confini del grande Parco Nazionale dell’Appennino Tosco-Emiliano, ad un certo punto, sembrano scivolare dalle montagne e stirarsi verso la pianura, quasi a voler toccare qualcosa di prezioso e nascosto.

È proprio così: i margini settentrionali del Parco includono due luoghi di una bellezza che toglie il fiato, capace di ispirare la penna di Dante Alighieri. Sono la Pietra di Bismantova ed i Gessi Triassici della Valle del Secchia, veri e propri monumenti naturali, distanti una manciata di chilometri.

Il nostro anello partirà dall’ombra dei gessi scintillanti e risalirà verso la mole possente della Pietra, che svetta tra dolci colline erbose come un oggetto alieno, deposto lì dalla mano di un gigante. La lunga discesa ci riporterà verso un grande campo sulle sponde del fiume Secchia, dove al tramonto un’istruttrice di Yoga ci guiderà in una pratica distensiva, per facilitare il recupero di muscoli ed articolazioni.

I padroni di casa del circolo Arci “Frank” saranno lieti di averci con loro per la serata; le stelle ed il bramito dei cervi faranno compagnia a chi deciderà di fermarsi per la notte con la propria tenda, dopo una cena condita dalle parole di un astrofilo!

Durata

4 h (soste e pratica yoga escluse)

Distanza

10 Km

Dislivello

In salita circa 450 m

Qualche immagine in anteprima

Equipaggiamento

Tutti gli escursionisti dovranno essere equipaggiati con scarpe o scarponi da trekking con suola in buone condizioni, alti fino alla caviglia; abbigliamento “a strati”; pantaloni lunghi da escursione (possibilmente di colore chiaro); giacca impermeabile e/o mantellina antipioggia; copricapo, occhiali da sole, crema solare; zaino comodo e in buone condizioni; snack, pranzo al sacco e scorta personale di acqua di almeno 2 litri. Consigliato l’uso dei bastoncini da trekking. Gli escursionisti non adeguatamente equipaggiati potrebbero essere esclusi dall’escursione direttamente sul luogo della partenza. Per la pratica Yoga, saranno necessari un tappetino e dei pantaloni più comodi ed elastici rispetto a quelli da escursione.

Grado di difficoltà

Media di tipo E

Cosa significa DIFFICOLTÀ MEDIA DI TIPO "E"?
Itinerari che si svolgono su terreni di ogni genere, non necessariamente segnalati al piano di calpestio, ma chiaramente riportati in cartografia, ivi compresi quelli che presentano forte esposizione, svolgendo livelli e sviluppi sempre superiori a quelli di grado T; sviluppano in zone scarsamente antropizzate, dove l’attraversamento di corsi d’acqua può avvenire a guado, senza però che vi sia pericolo di essere trascinati dalla corrente in caso di caduta, o con l’utilizzo di “ponti tibetani” o passerelle assimilabili, dove è in genere difficoltoso trovare rapidamente riparo dalle intemperie o chiamare aiuto in caso di infortunio e spesso può non essere facile approvvigionarsi di acqua potabile e cibo. È percorribile anche da famiglie con bambini ed anziani, a patto che siano sufficientemente allenati e in ottime condizioni di salute, che non soffrano di vertigini, che siano equipaggiati in modo adeguato e specifico, che conoscano bene l’ambiente di svolgimento e siano in grado di orientarsi agevolmente usando la carta topografica e l’orientamento intuitivo.

Segnalazioni particolari

L’escursione è aperta ad adulti e ragazzi dai 14 anni di età. I minori dovranno essere accompagnati da un adulto garante.
La presenza di animali domestici dovrà essere segnalata alla guida: sarà a discrezione di questa confermarne o meno l’idoneità alla partecipazione.

Va segnalata alle guide ogni esigenza particolare, allergia, condizione di salute, ecc…

In caso di motivata esclusione non sono previsti rimborsi di viaggi e di nessun altro tipo, se non l’eventuale quota di partecipazione versata, anticipi compresi.

Si chiede di avvertire il prima possibile in caso di rinuncia all’escursione.

I partecipanti sono tenuti a seguire le direttive degli accompagnatori, a non abbandonare il gruppo e il sentiero senza autorizzazione.

L’itinerario potrà variare in relazione alle condizioni meteorologiche e ambientali, oltre che per qualsiasi ragione legata alla sicurezza dei partecipanti.