Monte Nero (1752m), Monte Bue (1775 m) e Lago Nero (PC-PR-GE)

I relitti glaciali e le rarità di origine alpina a cavallo di tre province

 

Four Seasons logoLe Camminate Piacentine escono dal libro e si fanno realtà.

In collaborazione con PiacenzaSera.it, Vi porteremo alla scoperta
di uno dei meravigliosi percorsi raccontati da Achille Menzani in “Camminate Piacentine_Volume1”.

Un percorso ad anello nella zona di testata tra l’Appennino piacentino, genovese e parmense con viste spettacolari ad abbracciare i paesaggi montani di Liguria ed Emilia-Romagna. Tra torbiere, relitti floreali alpini dell’ultima glaciazione e abeti millenari. Il tutto all’interno del preziosissimo Sito di Interesse Comunitario ““Monte Nero, Maggiorasca, La Ciapa liscia”. Il lago nero con le sue rarità geologiche e botaniche è la testimonianza di un circo glaciale di 100mila anni fa. E il Monte Nero con l’unica stazione di pino mugo dell’Appennino settentrionale. Luoghi di contrabbandieri e passatori, ricchi di storie e leggende.
Dal Passo ci si inoltra nella faggeta, vedendo i primi esemplari sparsi di pino mugo fino ad arrivare alla vetta del Monte Nero (1752 mt.) con vista a 360° sull’intero appennino circostante e sul sottostante Lago Nero. Attraverso la sella della Costazza si arriva con un ulteriore sforzo alla vetta del Monte Bue (1775 mt.), dove si pranza al sacco osservando il paesaggio della Liguria che si apre verso sud, con la possibilità nelle giornate limpide di vedere in lontananza il mare. Passando accanto al Bivacco Sacchi si scende alla Fontana Gelata per poi risalire verso le coste del Lago Nero e attraversare le spaziose torbiere durante il rientro verso il punto di partenza.

Catalogo FOUR SEASONS Natura e Cultura
CLICCARE QUI PER SCHEDA DETTAGLIATA, INFO E ISCRIZIONI


LA GUIDA

Davide GalliDAVIDE GALLI
Guida Ambientale Escursionistica, abilitazione Regione Emilia-Romagna n° PR-006, iscritto al Registro Italiano Guide Ambientali Escursionistiche n° ER362.
Guida Turistica nazionale, abilitazione Regione Emilia-Romagna n° PR-147.
Vicepresidente nazionale AIGAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche).
Istruttore Corsi Base di Escursionismo e formatore nei corsi di formazione per G.A.E.
Esperienza pregressa di conduzione di diversi gruppi in autosufficienza totale, con specializzazione sui tragitti Pianura Padana – Mar Ligure (10/12 gg.). Conduzione su itinerari di più giorni in Italia e all’estero. È stato per diversi anni accompagnatore volontario di associazioni escursionistiche appenniniche.
È uno dei fondatori del Gruppo Guide delle Valli del Taro e del Ceno.
Esperto di grafica e multimedia con esperienza ventennale, si occupa per diverse aziende nazionali e internazionali di comunicazione, anche per diverse realtà del turismo con particolare attenzione a quello sostenibile e ambientale.

Durata

6 ore

Distanza

10 km

Dislivello

550 mt

Qualche immagine in anteprima

Equipaggiamento

pranzo al sacco, borraccia da 1 litro/thermos, calze e scarponi da trekking, giacca in materiale traspirante, pile o maglioncino, zaino giornaliero da 25 litri.

Grado di difficoltà

Media di tipo E

Cosa significa DIFFICOLTÀ MEDIA DI TIPO "E"?
Itinerari che si svolgono su terreni di ogni genere, non necessariamente segnalati al piano di calpestio, ma chiaramente riportati in cartografia, ivi compresi quelli che presentano forte esposizione, svolgendo livelli e sviluppi sempre superiori a quelli di grado T; sviluppano in zone scarsamente antropizzate, dove l’attraversamento di corsi d’acqua può avvenire a guado, senza però che vi sia pericolo di essere trascinati dalla corrente in caso di caduta, o con l’utilizzo di “ponti tibetani” o passerelle assimilabili, dove è in genere difficoltoso trovare rapidamente riparo dalle intemperie o chiamare aiuto in caso di infortunio e spesso può non essere facile approvvigionarsi di acqua potabile e cibo. È percorribile anche da famiglie con bambini ed anziani, a patto che siano sufficientemente allenati e in ottime condizioni di salute, che non soffrano di vertigini, che siano equipaggiati in modo adeguato e specifico, che conoscano bene l’ambiente di svolgimento e siano in grado di orientarsi agevolmente usando la carta topografica e l’orientamento intuitivo.

Segnalazioni particolari

Come arrivare:

Da Borgo Val di Taro PR, 1 ora circa: si percorre la SP4 fino a Bedonia, poi SP659R fino a Ponte Ceno dove si svolta a sinistra sulla SP81 per il Passo del Tomarlo, superato il quale con ulteriori 6 km sulla SP654 si arriva al Passo dello Zovallo.

Da Piacenza, 1 ora e 40 minuti circa: si percorre la SP654 Val Nure per 74 km fino al Passo dello Zovallo (16 km dopo il paese di Ferriere).

Four Seasons Natura e Cultura incentiva il carpooling: chiediamo ai partecipanti di mettere a disposizione la propria automobile per raggiungere  il luogo di partenza dell’escursione, dando un passaggio ad altri partecipanti.

Le spese di viaggio sono calcolate sommando il costo del viaggio di tutte le auto, poi diviso per tutti i partecipanti, ad eccezione dei guidatori e della guida (che non pagano le spese viaggio).  Spese viaggio andata/ritorno di questa escursione:
Spese per auto A/R: 20,00 €. da Piacenza – Spese per auto A/R: 11,00 €. da Borgotaro

Luogo dell'escursione

2018-06-11T12:06:33+00:00