MONTE LAMA – Tra prati sommitali, preistoria e Via degli Abati

SUL GRUPPO MONTUOSO STORICO A CAVALLO TRA APPENNINO PIACENTINO E PARMENSE

Val d'Arda vista dal Monte Lama

Catalogo FOUR SEASONS Natura e Cultura
CLICCARE QUI PER SCHEDA DETTAGLIATA, INFO E ISCRIZIONI

Four Seasons logo

Una giornata sulla montagna considerata a più alta densità archeologica in Europa, con ben 38 insediamenti scoperti: da quelli dei cacciatori litici, all’età del rame e ai sistemi difensivi del Principato Landi a difesa del castello di Bardi.

Ad ogni passo incontreremo affioramenti ferrosi, diaspri e ofioliti.

Dal paese di Bardi spostamento ulteriore di 10 minuti in auto per raggiungere il Passo del Pellizzone (1000 mt), al confine esatto con la provincia di Piacenza. Bellissimo sentiero di crinale verso la cima del Groppo di Gora, uno sperone ofiolitico con scoscesi prati di torbiera e una prima vista panoramica a 360°. Si prosegue verso il colle Il Castellaccio, attraverso i boschi di faggio e quercia dei ritrovamenti archeologici di villaggi neolitici. Si raggiunge il Colle Il Castellaccio che ha ospitato per diversi secoli un presidio di difesa e avvistamento sulla variante alta della Via degli Abati che a quel punto viene incrociata e utilizzata per raggiungere la Cima del Monte Lama. Rientro a ritroso sullo stesso percorso con alcune varianti.

LA GUIDA

Davide GalliDAVIDE GALLI
Guida Ambientale Escursionistica, abilitazione Regione Emilia-Romagna n° PR-006, iscritto al Registro Italiano Guide Ambientali Escursionistiche n° ER362.
Guida Turistica nazionale, abilitazione Regione Emilia-Romagna n° PR-147.
Vicepresidente nazionale AIGAE (Associazione Italiana Guide Ambientali Escursionistiche).
Istruttore Corsi Base di Escursionismo e formatore nei corsi di formazione per G.A.E.
Esperienza pregressa di conduzione di diversi gruppi in autosufficienza totale, con specializzazione sui tragitti Pianura Padana – Mar Ligure (10/12 gg.). Conduzione su itinerari di più giorni in Italia e all’estero. È stato per diversi anni accompagnatore volontario di associazioni escursionistiche appenniniche.
È uno dei fondatori del Gruppo Guide delle Valli del Taro e del Ceno.
Esperto di grafica e multimedia con esperienza ventennale, si occupa per diverse aziende nazionali e internazionali di comunicazione, anche per diverse realtà del turismo con particolare attenzione a quello sostenibile e ambientale.

Durata

6 ore pause escluse

Distanza

13 km

Dislivello

350 mt

Qualche immagine in anteprima

Equipaggiamento

pranzo al sacco, borraccia da 1 litro/thermos, calze e scarponi da trekking, giacca in materiale traspirante, occhiali da sole, cappellino, pile o maglioncino, zaino giornaliero da 25 litri.

Grado di difficoltà

Media di tipo E

Cosa significa DIFFICOLTÀ MEDIA DI TIPO "E"?
Itinerari che si svolgono su terreni di ogni genere, non necessariamente segnalati al piano di calpestio, ma chiaramente riportati in cartografia, ivi compresi quelli che presentano forte esposizione, svolgendo livelli e sviluppi sempre superiori a quelli di grado T; sviluppano in zone scarsamente antropizzate, dove l’attraversamento di corsi d’acqua può avvenire a guado, senza però che vi sia pericolo di essere trascinati dalla corrente in caso di caduta, o con l’utilizzo di “ponti tibetani” o passerelle assimilabili, dove è in genere difficoltoso trovare rapidamente riparo dalle intemperie o chiamare aiuto in caso di infortunio e spesso può non essere facile approvvigionarsi di acqua potabile e cibo. È percorribile anche da famiglie con bambini ed anziani, a patto che siano sufficientemente allenati e in ottime condizioni di salute, che non soffrano di vertigini, che siano equipaggiati in modo adeguato e specifico, che conoscano bene l’ambiente di svolgimento e siano in grado di orientarsi agevolmente usando la carta topografica e l’orientamento intuitivo.

Segnalazioni particolari

Come arrivare:

Dal casello autostradale di Fornovo Taro sull’A15 Parma-La Spezia prendere a sx la S.P. 28 in direzione Bardi che si trova a 36 Km.

Four Seasons Natura e Cultura incentiva il carpooling: chiediamo ai partecipanti di mettere a disposizione la propria automobile per raggiungere  il luogo di partenza dell’escursione, dando un passaggio ad altri partecipanti.

Luogo dell'escursione

2018-05-01T17:15:51+00:00